Alimentazione

Collezionare Tazzine Da Caffè

Da un po’ di anni collezionare tazzine di caffè con la pubblicità del produttore o della torrefazione (tazzine da bar) è un hobby che ha coinvolto molte persone. E’ una collezione strana, ma piaceVOLE. Tutto è cominciato quando mi sono accorto che, ovunque andassi in Italia, sulle tazzine vi erano stampate sempre molte e diverse marche di caffè, con diversa grafica e fantasia. Curioso di vedere dove potesse arrivare l’immaginazione e l’inventiva applicate alle tazzine, iniziai così a farne la raccolta, chiedendole nei vari siti online www.newformsdesign.com. Raccolgo le tazzine italiane con il nome e logo del produttore; non mi interessano quelle con il nome dei bar o quelle artistiche, fatte apposta da collezione. Inoltre non tengo i piattini, se non quando necessario (ad esempio quando il logo si trova sulla tazzina ed il nome si trova sul piattino). Ma anche l’estetica e la forma esterna fanno parte del gioco perciò, se una tazzina mi piace, la tengo lo stesso anche se non è di una torrefazione. Dopotutto la collezione è mia e le regole le stabilisco io! Dopo alcuni anni nei quali questo mio collezionismo è rimasto un po’ “sopito”, mi è ritornata la voglia di cercare tazzine nuove, ed anche la voglia di pubblicarle in un sito Web. Le foto della raccolta si possono vedere nella Gallery. Qui le tazzine sono divise per ordine alfabetico, in vari gruppi che stanno aumentando, mano a mano che aumenta il numero dei pezzi. C’è un motore di ricerca che permette di cercare i vari nomi, per vedere se ci sono. Le immagini che appaiono nella testata della Gallery cambiano in modo casuale ogni volta che la pagina viene visitata. Questo per dare un po’ di movimento e di imprevisto al tutto; spero che il risultato piaccia.

Huston, abbiamo un problema (di tazzina per il caffè). A pochi giorni dalla polemica sul caffè di Andrej Godina, esperto degustatore della Scae (Speciality Coffee Association of Europe), quell’italiano si sveglia e non ha più certezze. I pilastri della caffetteria partenopea sono crollati sotto le macerie della bocciatura dello storico Caffè Gambrinus: voto 3 e ½. Un dubbio mi tormenta: vuoi vedere che hanno sbagliato tazzina? La tazzina perfetta va riempita solo per 25 millilitri di espresso, che andranno versati esattamente in 25 secondi, pena un caffè slavato o bruciato. Lo spessore è maggiore al fondo e si assottiglia nella parte superiore che si porta alle labbra, aumentando la sensazione di eleganza e leggerezza, e al contempo, per sfruttare le caratteristiche di isolamento termico della porcellana. Anche il colore è determinante per la degustazione: deve essere bianchissima per far risaltare i riflessi della crema. Con il recipiente sbagliato la valutazione ne esce penalizzata.

  • 3,8 su 5 stelle 45
  • 6 antiche tazzine da caffè giapponesi in porcellana finissima
  • 4,5 su 5 stelle 5
  • 25 g di cioccolato fondente
  • 6 tazzine da caffè in porcellana Regent Form Smeraldo
  • Fine porcellana bianca

Non ci crederete mai, ma le tazzine da caffè e i rispettivi piattini sono utili anche ad illuminare una stanza! Ecco che ve lo spieghiamo! Se avete il pollice verde, vi consigliamo di piantare le vostre piccole piante grasse all’interno delle tazzine da caffè utilizzate come vasi. Un’altra idea geniale, è quella di creare un grosso quadro, con tante tazzine incollate e divise a metà con l’aiuto di una seghetta elettrica, nelle quali appare una piccola piantina. Un creazione fresca e originale che in pochi possiedono! Perfetta soprattutto in giardino. Per dare vita ad un nuovo appendiabiti ci pensano le tazzine da caffè! Prendetene almeno sei, magari in colore bianco o nero per dare un tocco di design e modernità alla casa, e attaccatele alla parete, in fila a distanza di un paio di centimetri tra loro, con un mille chiodi. Una volta fatto il lavoro, il vostro nuovo appendiabiti è pronto per accogliere le vostre giacche.Il cioccolato fondente, che ben si sposa con l’aroma di caffè, è usato per rievocare e stilizzare il fumo che sale dal caffè. Nella ciotola della planetaria, o in una terrina, radunare la farina con un pizzico di sale, lo zucchero, il burro freddo a fiocchetti e il tuorlo, quindi iniziare ad impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Se necessario, unire qualche cucchiaio di acqua fredda, lo stretto indispensabile per ottenere un panetto compatto. Avvolgere la pasta frolla nella pellicola trasparente e riporre in frigorifero per almeno un’ora. Nel frattempo, preparare la crema al caffè. In una ciotola, sbattere i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo. Incorporare la farina ed amalgamare bene con una frusta, evitando la formazione dei grumi. Unire quindi il latte in modo molto graduale, sempre mescolando con la frusta e, infine, disciogliervi il caffè. Cuocere in forno a microonde alla massima potenza per un minuto, quindi procedere con sessioni di cottura da 15-30 secondi, mescolando con la frusta tra una cottura e l’altra e seguendo le raccomandazioni della ricetta della crema pasticcera al microonde.

tazzine caffèSecondo queste fonti, l’assunzione giornaliera di caffè abbasserebbe il tasso di mortalità del 12% grazie alle numerosissime sostanze in esso contenute che hanno effetti benefici su cuore, reni e polmoni. Tra le malattie e i disturbi che è possibile evitare bevendo circa 3 tazzine di caffè al giorno troviamo infarto, diabete, tumore e ictus. Quali sono le sostanze responsabili di tutto ciò? Il ruolo chiave è ricoperto dai polifenoli e dai diterpeni, entrambi forti antiossidanti naturali. Quindi si può bere caffè a volontà? Il caffè fa innegabilmente bene, ma bisogna sempre fare attenzione a non esagerare: è consigliabile infatti restare nei limiti giornalieri, che si attestano appunto intorno alle 3-4 tazzine, ovvero circa 300 milligrammi di caffeina. Tale limitazione è necessaria per evitare effetti collaterali come iperattività, sovra-eccitazione, insonnia e persino problemi di digestione e di reflusso gastrico. A questo scopo potrebbe essere d’aiuto il consumo di caffè in cialde (acquistabili anche online) per avere la sicurezza di non superare i limiti consigliati, essendo pre-dosate. Buone notizie per gli amanti del caffè. Berlo senza esagerare, dunque concedersene 3-4 tazze al giorno, fa bene alla salute. Almeno secondo un’ampia revisione di studi pubblicata sul ‘Bmj’. I ricercatori dell’Università di Southampton spiegano di aver rilevato nei bevitori di caffè un rischio ridotto di malattie del fegato e di alcuni tumori, e un più basso rischio di morire per un ictus. Un legame che però non dimostra con certezza che proprio il caffè sia la causa di questi fenomeni. Si è visto anche che eccedere con le tazzine in gravidanza può essere dannoso. I ricercatori hanno raccolto dati sull’impatto della tazzina per la salute da oltre 200 studi. Così si è visto che i bevitori di caffè affrontano un rischio ridotto di incappare in problemi cardiovascolari e di morire per questo motivo. I benefici maggiori, comunque, sono quelli legati alla salute del fegato. Per Paul Roderick, coautore dello studio, “c’è una bilancia dei rischi nella vita, e i benefici di un moderato consumo di caffè superano i rischi”. Occhio però a come lo si beve: i ricercatori invitano ad evitare troppo zucchero, latte o crema. E magari di accompagnare la tazzina con un dolce o un bon bon. Inoltre, sarebbero necessari trial clinici rigorosi per poter comprendere meglio i potenziali benefici del caffè per la salute. Al momento, infatti, il meccanismo d’azione della bevanda è poco chiaro, anche se si sospetta un ruolo degli anti-ossidanti contenuti nel caffè.

Per ulteriori informazioni su tazzine caffè gentilmente visitate il nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *